La chirurgia della cataratta consiste nella sostituzione del cristallino opaco con una lente artificiale ( IOL ). Ma le IOL sono tutte uguali? Assolutamente no! Come accade per ogni manufatto, esistono diversi livelli di raffinatezza tecnologica ed il tipo di recupero visivo che si ottiene dopo l’impianto della IOL dipende, oltre che  dall’ eventuale presenza,  cataratta, di altre malattie del bulbo oculare, anche dal tipo di lente IOL che si impianta.

Da sempre il dr. Fazio impianta IOL delle più quotate ditte internazionali nella convinzione che non esistano possibilità di compromessi quando si ha la responsabilità della salute dei Pazienti.

Ma anche nell’ambito di prodotti top di gamma, ovvero con i più elevati standard di fabbricazione, alcune ulteriori possibilità di scelta danno accesso a livelli ancora superiori di riabilitazione visiva.

Si distinguono così IOL “normali” e IOL “premium” (o “ad avanzata tecnologia” ). Le IOL “premium” sono lenti speciali con caratteristiche tecniche tali da garantire un rendimento visivo superiore.
Esse sono:

La IOL TORICA
La IOL MULTIFOCALE
LA IOL A PROFONDITA’ DI FUOCO
LA IOL STENOPEICA
LA IOL PER MACULOPATIA

La scelta di impiantare una IOL “normale” o una IOL “premium” si fa  insieme al Paziente quando e se il medico avrà riscontrato l’assenza di controindicazioni all’impianto della IOL speciale. Ma perché esistono differenti tipi di IOL e quali sono le differenze visive tra un impianto di IOL normale ed un impianto di IOL premium?:

Il cristallino artificiale (IOL) di tipo normale è una lente che sostituisce la originale lente interna dell’occhio: il cristallino. La misura, o meglio, il potere delle IOL non è uguale per ogni tutti gli occhi, ma viene determinato tramite un esame che si chiama “biometria”. Formule matematiche complesse utilizzano i dati della biometria per determinare il potere opportuno della IOL. Una IOL di potere appropriato consente di compensare abbastanza bene i difetti di refrazione sferici dell’occhio ovvero la miopia  o la ipermetropia, ma non l’astigmatismo! Se l’occhio non soffre anche di astigmatismo la vista per lontano sarà abbastanza buona dopo l’intervento senza ausilio di lenti ulteriori.  Se l’occhio era anche astigmatico, però,  occorreranno un paio di lenti correttive dell’ astigmatismo per ottenere il massimo della visione perché la IOL normale non può correggere anche l’astigmatismo. Esiste però una IOL “premium” che è capace di correggere anche l’astigmatismo: sono le IOL TORICHE e garantiscono una migliore qualità di visione per lontano senza occhiali a quei pazienti che, oltre alla cataratta, sono affetti anche da astigmatismo. Le IOL TORICHE non hanno controindicazioni.

La IOL “normale”, inoltre, è tarata solo per lontano. Non è capace, come il cristallino naturale di un giovane, di adattare le proprie capacità ottiche alle differenti distanze di visione come fa il meccanismo di autofocus di una macchina fotografica moderna. Purtroppo anche il cristallino naturale perde con il tempo questa preziosa capacità e rimane fisso sulla distanza per lontano. E’ questo il fenomeno della “presbiopia”, fenomeno che ci costringe, dopo i quaranta anni circa, ad usare lenti per vicino o sempre più diverse da quelle utilizzate per lontano per poter leggere o svolgere altri compiti che potevano prima essere tranquillamente affrontati senza lenti o con le stesse lenti che  si usavano per lontano. La IOL “normale” non è capace di correggere la presbiopia, quindi dopo l’intervento occorreranno delle lenti per lettura, anche se prima dell’intervento non erano necessarie.

Fortunatamente esistono anche IOL “premium” che compensano la presbiopia. Sono di tre tipi: la IOL MULTIFOCALE ( TORICA o NON TORICA ) la IOL A PROFONDITA’ DI FUOCO, e la IOL STENOPEICA

Le IOL multifocali ( sia le toriche che le non toriche ) funzionano con un meccanismo di divisione dell’immagine in due o tre punti di messa a fuoco principale. Consentono di fare a meno degli occhiali per leggere o di ridurne grandemente l’uso. Il loro impianto presuppone la assenza di altre patologie oculari. Il meccanismo di funzionamento comporta la presenza di alcuni fenomeni visivi per lontano di minore entità come la presenza di aloni attorno alle luci di notte che con il tempo vengono comunque sempre meno avvertiti. La compensazione della presbiopia è però definitiva ed il livello di soddisfazione con questo tipo di impianto oculare è talmente buono che noi lo proponiamo come soluzione chirurgica della presbiopia anche nei Pazienti che non hanno ancora la cataratta, ma sono infastiditi dalla dipendenza dagli occhiali per leggere. La IOL multifocale torica è uguale alla non torica, ma corregge anche l’astigmatismo.

Le IOL A PROFONDITA’ DI FUOCO  e le IOL STENOPEICHE correggono anch’esse la presbiopia ma con un punto di messa a fuoco per vicino un po’ più distante. Si avvertono meno fenomeni luminosi per lontano rispetto alle IOL multifocali, ma si corregge solo parzialmente la presbiopia. In pratica, si potrà fare a meno degli occhiali per distanza e per visione intermedia (computer, telefonino, menù al ristorante, cucinare, spartito musicale ), ma si useranno gli occhiali per la lettura protratta di caratteri piccoli, o per l’elenco telefonico, o per infilare l’ago etc. Sono preferite dai Pazienti che fanno maggior uso della visione intermedia rispetto a quella per vicino e che hanno bisogno di una visione per lontano ultra-nitida ( autisti di mezzi pubblici, per esempio )

Le IOL PER MACULOPATIA sono IOL particolari che consentono di ottenere un ingrandimento della immagine o una proiezione dell’immagine su una area più sana della retina rispetto a quella malata consentendo così una performance visiva superiore a quella ottenibile con una IOL normale.

La chirurgia dell’impianto di una IOL premium è molto simile alla chirurgia dell’impianto di una IOL normale.

C’è da dire che il SSN ( la mutua ) non prevede, in genere, che l’impianto di una IOL normale a differenza di altri Paesi, come gli Stati Uniti, ove al Paziente è permesso pagare solo la differenza di costo della IOL ed accedere comunque alla assistenza sanitaria nazionale. Questo perché, ed è comprensibile, l’impianto di una IOL premium non solo ripristina la vista perduta, ma migliora il visus anche rispetto al visus precedente l’avvento della cataratta. L’economia del SSN italiano è tarato sui “livelli minimi di assistenza sanitaria” ovvero si occupa dell’indispensabile. La IOL premium è un “di più” rispetto all’indispensabile anche se magari molto vantaggioso per quel particolare caso. Ogni singolo Paziente ed il suo medico, però, sono tenuti a discutere, per legge, anche delle opzioni alternative rispetto ai minimi offerti dal SSN nel caso queste alternative possano essere di beneficio perché è indispensabile coinvolgere il Paziente nella scelta di quale tipo di soluzione chirurgica possa essere la migliore per Lui. L’occasione di parlare di queste opzioni è la visita preliminare perché, impiantato il cristallino artificiale, è molto più indaginoso ricorrere ad una nuova chirurgia per rimuoverlo a vantaggio di una lente premium.

Detto questo, c’è da sottolineare che non c’è in assoluto una IOL migliore di una altra. C’è invece da personalizzare la scelta in base alle caratteristiche dell’occhio ed allo stile di vita del Paziente. Anche la IOL normale può essere la migliore scelta per quel caso. Il dr. Fazio e l’intero suo staff ha estesa esperienza con tutti i tipi di IOL: normali e premium e Vi aiuterà a stabilire quale sia la scelta più appropriata per voi.

Social